Gallipoli

Gallipoli

La città bella degli antichi greci

Distanza: 10 km, 15 minuti.

Tradizione, poesia e mistero: questa è la città di Gallipoli. La tradizione delle sue chiese, la poesia del mare, il mistero del reticolo stretto di vicoli e corti oltre alla magia sprigionata dalle sue mura di cinta teatro di numerosissime battaglie. Gallipoli, paese di profumi e sapori che ti immerge in un’atmosfera fra l’antico e il nuovo e ti inebria con la bellezza del suo mare. Il vecchio, intatto nucleo di Gallipoli, costruito su di uno scoglio di origine calcarea, si protende nel mare come adagiato sui riflessi delle acque, sospeso in una dimensione di solare bellezza: sembra un miraggio che nasce dal mare, infatti gli antichi greci la chiamarono “Kalé Polis” (città bella).

Gallipoli è l’unione della città vecchia, sviluppatasi su di un’isola, col Borgo o Città Nuova entrambe collegate da un ponte in muratura. L’area cittadina corrispondente al Borgo è caratterizzata dalla presenza del lungo Corso Roma che costituisce l’asse mediano da cui si irradia regolarmente il reticolo di strade. Prima del ponte si trova la cosiddetta Fontana Greca le cui facciate raffigurano personaggi e vicende della mitologia greca. In fondo al piazzale, situata nel porto, si trova la chiesa di Santa Maria del Canneto. L’antico porto gremito di barche e pescherecci, fu realizzato, su una preesistente fortezza angioina ancora riconoscibile nel torrione poligonale e il magnifico Rivellino. Il possente Castello si fa ammirare nella sua struttura muraria in tufo carparo.

Piazza Duomo, nella città vecchia, è caratterizzata dalla presenza della Torre dell’Orologio, del Palazzo Pirelli, ma soprattutto dalla Cattedrale dedicata alla martire catanese Sant’Agata con la sua grande facciata barocca. Lungo la litoranea si incontrano altre importanti chiese che meritano una visita: la chiesa di San Domenico o del Rosario, la chiesa di San Francesco d’Assisi, la bianca chiesa di Santa Maria della Purità, tipico esempio di barocco locale.

Da non trascurare una visita al Museo Civico dove sono esposti reperti archeologici messàpici e romani, una raccolta numismatica, ceramiche e maioliche settecentesche, oggetti antichi, armi e costumi nobiliari del XVII secolo.

Ti abbiamo segnalato solo alcuni tra i più importanti edifici della Città, non dimenticare però che in ogni via vi sono stupende case o palazzi da ammirare e caratteristiche corti da osservare. E poi il bianco delle sue case, il bianco che abbaglia, su cui si staccano i giardini fioriti ai balconi e alle finestre, come in una corte lusitana, e poi i profumi del mare, l’allegria della sua gente. Ti consigliamo di perderti in questa atmosfera mediterranea, ne rimarrai affascinato!

Se sei da queste parti a fine luglio non puoi perderti i festeggiamenti in onore di Santa Cristina Patrona della città, caratterizzati dalla “cuccagna” e dal meraviglioso spettacolo pirotecnico in mare.